Melt-in-the-mouth Soft Shortcrust Jam Cake

Hi guys!

A few days ago I received an unexpected birthday parcel from my parents and my lovely mum had sent 2 jars of homemade plum jam, straight from my grandpa’s trees. What a pleasent surprise! <3

So I felt like I had to make justice to it. Initially I thought of making a traditional jam pie, simple and delicious, then I remembered that there was one particular recipe that I used to love when I was a veggie, and this consisted of a softer pastry that falls in between the shortcrust and a classic sponge dough. It is in fact less firm than the first and less runnier than the second. And the taste is literally devine!

I decided to try to veganise it, and I must say that I’m very very happy with the result, hence I wanted to share the recipe with all of you.

Ingredients:

200 gr All purpose Flour

100 gr Vegan Butter (melted)

60 gr Brown Sugar

60 gr Caster Sugar

2 tbs Cider Vinegar

2 tbs Tap Water

2 tsp Baking Soda

1/2 tsp Baking Powder

1/2 tsp Vanilla Extract

1 Lemon Zest (grated)

1 pinch Himalayan Salt

Favourite Jam to taste*

*This recipe works perfectly also with sweet spread, such as chocolate, biscoff and so on 😉

Method:

Preheat the oven at 180° C.

Combine in two different bowls the solid and the liquid ingredients.

Carefully pour the wet ingredients into the bowl with the dry, and mix until well combined.

Arrange the dough in a tray, and with the back of a spoon or a shot glass form little caves, that we are going to fill with the jam.

Fill each hole with a generous teaspoon of jam.

Bake for 30 to 40 minutes.

If the top of the cake starts to become dark cover it with some foil in the last 15-10 minutes.

Allow to cool completely and serve for tea or breakfast with some icing sugar on top.

Italian Version

Ciao a tutti!

Alcuni giorni fa ho ricevuto un inaspettato pacco di compleanno da parte dei miei genitori in cui la mia adorabile mamma mi ha confezionato minuziosamente 2 barattoli di marmellata di prugne, raccolte direttamente dagli alberi del nostro giardino. E’ stata davvero una sorpresa bellissima e tanto, tanto gradita <3

Così ho pensato che dovessi farle assolutamente giustizia. Inizialmente avevo optato per confezionare una classica crostata (ciò non toglie che la possa comunque fare prossimamente, cosa mooolto probabile!), ma poi mi sono ricordata di un dolce che mi piaceva tantissimo quando ero vegetariana, che consiste praticamente in crostata morbida, la cui consistenza cade nel mezzo tra la croccante crostata classica e una torta pan di spagna. E credetemi, il gusto è davvero divino!

Ho per cui deciso di provare a veganizzarla, e devo dire che sono davvero tanto, tanto soddisfatta del risultato, ecco perché ho deciso di condividerla con tutti voi.

Ingredienti:

200 gr di Farina 00

100 gr di Burro Vegano (sciolto)

60 gr di Zucchero di Canna

60 gr di Zucchero Semolato

2 cucchiai di Aceto di Mele

2 cucchiai di Acqua

2 cucchiaino di Bicarbonato di Sodio

1/2 cucchiaino di Lievito per Dolci

1/2 cucchiaino di Estratto di Vaniglia

Scorza di 1 Limone (grattugiata)

1 pizzico di Sale dell’Himalaya

Marmellata q.b.*

*Questa ricetta è ideale anche se si vuole utilizzare della crema di cioccolato spalmabile al posto della marmellata 😉

Procedimento:

Preriscaldiamo il forno a 180° C.

Poniamo in 2 ciotole diverse gli ingredienti solidi e quelli liquidi.

Delicatamente versiamo i liquidi nei solidi e mischiamo il tutto fino a che gli ingredienti saranno ben incorporati tra loro.

Disponiamo quindi l’impasto in una tortiera e, con il dorso di un cucchiaio o con un bicchierino andiamo a ricavare delle cavità, dove andremo poi a versare la nostra marmellata.

Riempiamo quindi ciascun buco con una generosa cucchiaiata di marmellata e inforniamo per 30-40 minuti in forno statico.

Se la superficie della torta dovesse caramellare troppo è raccomandabile coprirla con della carta stagnola durante gli ultimi 15-10 minuti di cottura.

Una volta cotta la lasciamo raffreddare completamente prima di servirla cosparsa di zucchero a velo per la prima colazione o la merenda.

Leave a Reply