Juicy Homemade Vegan Wellington Perfectly Pink

Hello everybody.

Yep, we’re in that period of the year where everything around us is screaming” Chrissstmas” , “Ho Ho Ho” “Happy Holiday”.

Indeed, it’s a bit longer than one month when Santa Claus is coming to town!!!!! And what better time to start giving inspiration for some cruelty free recipes for the holiday than at the start of Thanksgiving?

Yes, for all of you that know that veganism is the right thing to do for the planet, our health, and last but not least, to save a bunch of poor animals whose destiny has been so very, very cruel and unfortunate.

Just a quick reminder… It’s because of us as consumers that drive the supply of animals because of the requests we make with our purchases in supermarkets. The more cruelty free products we buy the more they will supply and the fewer animals that will ultimately be harmed. If we all start at the very least consuming less animal products we can start changing the condition our planet is in… One little step at a time. 

But I won’t ramble for long today on the topic, since I believe it requires an entire post. The purpose of this one I’m writing is meant to be festive, happy and jolly, that can prove how we can still eat whatever we used to have on a omni diet completely in a plantbased version, without giving up on anything! On the contrary, you’ll come up with a few happy side effects such as: less cholesterol – more proteins, less bad fats, more good ones, everything dressed with a tons of vitamins and minerals. How fantastic is that?! All you need to do is change a few things on your plate and all of these great things can happen.

Indeed, the real treat of this recipe is that when you cut the wellington open, passing the knife through the crispy golden pastry and you open it up to find a beautiful blushing pink fillet that resembles so closely that of meat. Biggest difference is that this meat is happy and alive, and we are not giving up on anything familiar for a meal like this. Isn’t it a double win?!?!?! I do reckon so.

And now the recipe :

Ingredients:

…for the seitan fillet..(make around 500 gr)

130 gr Gluten

100 ml Beetroot Juice

40 gr Chickpea Flour

1 1/2 tbs Liquid Smoke

1 tbs Soy Sauce

Mix of Spices and Herbs (Salt, Pepper, Sage, Grounded Shiitake, Nutmeg, Onion Powder, Garlic Powder, Vegetable Stock, Powdered Mustard Seeds..)

…for the broth…

1 Carrot

2-3 Dried Shiitake

1 Piece of Celery

1 Onion

1/2 Kombu Seaweed

1 tbs Tomato Pure

1 tbs Soy Sauce

2 tbs Coarse Salt

1 l Water

…for the Wellington…

1 Sheet Puff Pastry

1/4 cup Red Wine

2 Portobello Mushrooms

2 tbs Mustard

1 1/2 tbs Vegan Butter

Garlic, Onion, Mixed Herbs, Salt and Pepper

Method:

First step: preparing the broth.

Roughly chop all the veggies (except for the Kombu) and place them at the bottom of pot. Squirt in the tomato pure and top with water. Place on medium heat and allow it to cook for at least 20 minutes from when it starts boiling and before cooking the seitan.

In a bowl arrange all the dry ingredients (flours+spices), then add the soy sauce, the liquid smoke and the beetroot juice.

Kneed it for a few minutes until it comes together in a ball.

Arrange the seitan on a chopping board covered with a white cloth that has not being washed with soap (a cheese cloth will do perfectly) and shape on it the seitan as you please. 

Wrap the seitan in the cloth and tie each end with a cord.

Cook the fillet in the boiling broth that we have prepared in a previous step for 50 minutes.

Once the cooking time has passed, transfer the fillet on a chopping board or a plate, remove the cloth and allow to cool for a bit.

In the meantime chop the mushrooms into little cubes and sauté for 4-5 minutes in a pan with olive oil, garlic and thyme. Set aside.

In the same pan arrange the butter, the garlic and the herbs.

Add the seitan fillet and sear every side of it until brown and caramelized. Then simmer with wine until reduced.

Allow the roast to cool before brushing it with a generous amount of mustard.

To coat the fillet with mushroom mince: place a film sheet on a chopping board, arrange half of the mushrooms on it and place the filet on the layer of mushrooms. Cover the seitan with the remaining mushrooms cube and wrap it very carefully in film, making sure to equally distrubite the mushroom.

Place in the refrigerator for at least half an hour (or overnight if you’re preparing it in advace).

Roll out the puff pastry sheet and arrange the fillet in the middle after having carefully removed the film. Wrap it into the puff pastry making sure it adheres perfectly, decorate as you wish.

Bake for 30-45 minutes at 180°C, until the pastry looks golden and crispy.

Serve with roasted vegetables, peas, chutney and gravy.

Happy Cruelty-Free Thanksgiving everyone!

Hope you enjoy <3 

Ciao e ben trovati.

Ebbene sì, siamo in quel periodo dell’anno in cui tutto attorno a noi grida “Nataleeeeeee”, “Ho Ho Ho”, “Buone Feste”!

Siamo infatti a poco più di un mese di distanza dall’annuale visita di Sir Babbo Natale, e quale miglior periodo per iniziare a darvi qualche ispirazione su ricette cruelty free per le vostre vacanze se non in occasione del giorno del Ringraziamento?

Si, si, questo post è dedicato proprio a voi e a tutti coloro che sono consapevoli di quanto sia giusto approcciarsi al veganesimo in quanto miglior scelta per il futuro del nostro pianeta, per la nostra salute e anche e soprattutto per salvare una manciata di animali il cui infelice destino è stato davvero tanto, tanto crudele con loro.

Permettetemi solo una piccola parentesi… Sappiamo che, in quanto consumatori, siamo noi a fare il mercato. Siamo noi a decidere cosa scegliere di trovare nei nostri supermercati. Come? A seconda dei prodotti che andiamo ad acquistare: più prodotti cruelty free andiamo ad acquistare, maggior richiesta e, di conseguenza, disponibilità ci sarà per noi. Questo permette di salvare centinaia di animali. Esatto. Tramite ciascun prodotto che semplicemente acquistiamo al supermercato possiamo salvare animali e contribuire a migliorare la condizione del pianeta in cui viviamo. Tramite piccoli passi alla volta.

Ma non mi dilungherò ancora sull’argomento, che ritengo necessiti di un post tutto suo. E poi il tema del mio post odierno consiste nell’essere festivo, gioioso e sereno, con l’augurio che possa provare come si possa ancora mangiare tutto ciò a cui eravamo abituati prima di abbracciare il veganesimo senza dover fare alcuna rinuncia. Anzi, andiamo anche a ricevere una serie di bonus: meno colesterolo – più proteine, meno grassi nocivi – più grassi sani, il tutto condito da una manciata di vitamine e minerali. Non trovate sia fantastico?! E tutto ciò che vi divide da questo è semplicemente cambiare alcune cose all’interno dei vostri piatti per dare vita a cose meravigliose!

Ad esempio, nel caso del Sir Wellington, il nostro protagonista del giorno andremo a vedere come tagliando quella croccante pasta dorata che lo racchiude scopriremo quanto sia fedele all’originale il filetto all’interno, persino con l’effetto “rosato”. E sapete quali solo le due cose straordinarie di questo piatto? La prima è che la dolcissima mucca che avremmo utilizzato per la versione carnivora scorazza ancora tranquilla e felice nei pascoli, e secondo, non non abbiamo rinunciato assolutamente a nulla. Non trovate che sia una vittoria da tutti i campi? Io lo penso e affermo senza alcun dubbio.

Passiamo alla ricetta ora 🙂

Ingredienti:

…per il filetto di seitan..(di circa 500 gr)

130 gr di Glutine

100 ml di Succo di Rapa Rossa

40 gr Farina di Ceci

1 1/2 cucchiaio di Fumo Liquido

1 cucchiaio di Salsa di Soia 

Mix di Erbe e Spezie (Sale, Pepe, Salvia, Funghi Secchi Grattugiati, Noce Moscata, Cipolla in Polvere, Aglio in Polvere, Brodo Vegetale in Polvere, Semi di Mostarda in Polvere…)

…per il brodo…

1 Carota

2-3 Funghi Secchi

1 Costa di Sedano

1 Cipolla

1/2 Alga Kombu 

1 cucchiaio di Concentrato di Pomodoro

1 cucchiaio di Salsa di Soia

2 cucchiai di Sale Grosso

1 l Acqua

…per il Wellington…

1 Foglio di Pasta Sfoglia

1/4 tazza di Vino Rosso

2 Funghi Portobello

2 cucchiai di Senape

1 1/2 cucchiaio di Burro Vegan 

Aglio, Cipolla, Erbe Miste, Sale e Pepe

Procedimento:

Cominciamo dal brodo.

Affettiamo grossolanamente tutti i vegetali (a eccezione della Kombu) e disponiamoli sul fondo della nostra pentola. Aggiungiamo il concentrato di pomodoro e infine l’acqua. Portiamo a bollore e cuociamo a fuoco medio per almeno 20 minuti dopo che l’acqua abbia iniziato a bollire e prima di incorporarvi il seitan.

Disponiamo in una bowl tutti gli ingredienti secchi (farine + spezie), quindi incorproriamo la salsa di soia, il fumo liquido e il succo di rapa rossa.

Lavoriamo per una manciata di minuti finché riusciamo a ricavare una palla con l’impasto.

Disponiamo quindi la nostra palla di seitan su un tagliere ricoperto di un panno bianco (mi raccomando, che non sia mai stato lavato col sapone) e diamo al seitan la forma che desideriamo.

Lo avvolgiamo quindi nel panno e chiudiamo le estremità con dello spago da cucina.

Andiamo a cuocere il nostro filetto di seitan nel brodo in ebollizione precedente preparato per 50 minuti.

Una volta pronto lo trasferiamo su di un tagliere, rimuoviamo il panno e lasciamo raffreddare per qualche attimo.

Nel frattempo andiamo a preparare i fughi. Li affettiamo in dadini piccoli che andremo a saltare in padella per circa 4-5 minuti con un filo d’olio, aglio in camicia e tipo. Non appena pronti mettiamo da parte.

Nella stessa padella andiamo ora a disporre il burro, dell’altro aglio in camicia ed erbette varie. Brasiamo il filetto su tutti e i 4 i lati fino a doratura, dopodiché sfumiamo con il vino e apettiamo che riduca.

Togliamo il filetto dal fuoco e lo lasciamo raffreddare prima di andarlo a spennellare con un generoso strato di senape.

Ora, per ricoprire il filetto coi dadini di funghi non dobbiamo fare altro che posizionare un foglio di pellicola su un tagliere, e disporre al di sopra di essa una metà dei funghi. Disponiamo quindi il filetto al di sopra di questo strato uniforme di funghi, dopodiché ne cospargiamo la parte superiore con i restanti dadini. Delicatamente andiamo ad avvolgere il filetto nella pellicola, facendo in modo di distribuire uniformemente i dadini di fughi. Quindi mettiamo in frigo per almeno 30 minuti (o per tutta la notte, se decidete di prepararlo in anticipo).

Srotoliamo la pasta sfoglia e andiamo a posizionare al centro di essa il filetto, dopo averlo rimosso delicatamente dalla pellicola. Copriamo il filetto con la pasta, facendo in modo che essa vi aderisca al meglio, decoriamo come più ci piace e inforniamo per 30-45 minuti a 180° C, fino a doratura.

Serviamolo con verdure arrosto, piselli al vapore, chutney vari e salsa gravy.

Buon Thanksgiving Cruelty-Free a tutti allora!

Spero vi sia piaciuta questa proposta, fatemelo sapere!

…alla prossima!

3 comments

  1. vabbè qui sfioriamo la perfezione e va lodato il tuo estro geniale 😜👊. Non si puo’ dare un voto alla tua realizzazione, è un qualcosa di superlativo! Sei un “Must”! Sei stata grandiosa 😉👍

    1. Ti ringrazio immensamente, i tuoi gentili complimenti mi fanno sempre tanto, tanto piacere! 😊
      Sono davvero soddisfattissima dell’esito, soprattutto dell’effetto rosato che non ti nego abbia creato un bel po’ di suspense e una serie di dita incrociate prima di tagliare il Wellington! Ci tenevo tantissimo ❤️🥂

Leave a Reply